I “DIFETTI” DI YORKER

67

 

Yorker è un duo salentino neo soul formato dal batterista e cantante Antonio “Dema” De Marianis e dal chitarrista Gino Semeraro. Tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021 pubblicano “Come un matto” e “Difetto”, singoli distribuiti da Artist First e targati Discographia Clandestina, etichetta indipendente di Carmine Tundo (La Municipàl, Nu Shu, Diego Rivera) e Domenica 22 Agosto saliranno sul palco del Sei Festival per l’ultima tappa per il loro mini tour di presentazione

Ciao ragazzi! Tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021 avete pubblicato i vostri primi due singoli “Come un matto” e “Difetto”. Come sono stati accolti dal pubblico?

Sembrerebbe siano stati accolti molto bene. Abbiamo lavorato duro e siamo stati sempre concentrati a fare le cose al meglio delle nostre possibilità. La soddisfazione si è moltiplicata ora che possiamo sentire la gente che li canta nei nostri live!

“Difetto” è un elogio ai propri difetti che in fin dei conti sono le caratteristiche che più forgiano la nostra identità. Quali dei vostri “difetti” credete siano quelli più caratterizzanti?

Nell’ultima esperienza in Albania abbiamo scoperto per caso che “Dema” significa “tori”. Ecco. Lui è un toro, un martello pneumatico o per meglio dire un vero rompipalle – ridono -. Gino invece è il classico distratto, che si dimentica le cose e che spesso si perde nel nulla. La cosa bella è che tra tutti i difetti siamo comunque bravi a saperci prendere e andare oltre le difficoltà dei nostri caratteri.

Il progetto “Yorker” non è altro che un coronamento della vostra lunga esperienza su grandi palchi. Quali sono le esperienze e gli artisti che più hanno influenzato il vostro percorso musicale?

Esperienze sui palchi ce ne sono state tantissime (per Dema molte di più). Abbiamo la fortuna di suonare insieme anche in altri progetti che ci permettono di viaggiare e di accrescere la nostra intesa musicale e non. Entrambi nasciamo dal Rock e dal Funk, ma siamo degli insaziabili ascoltatori di tutto. Negli ultimi periodi sicuramente le nostre maggiori influenze musicali sono state il neo soul americano e l’indie pop italiano.

Dopo l’uscita dei due singoli, attendiamo con ansia la pubblicazione del vostro disco. Credete sia prossima? Potete anticiparci qualcosa?

Stiamo pianificando! Siamo davvero impazienti! Non vediamo l’ora di condividere con voi nuova musica! Succederà a breve! Speriamo!

Il claim della quindicesima edizione del Sei Festival è #wecanbeheroes. Secondo voi come può un artista essere eroe?

In questo periodo storico più che mai gli artisti SONO degli eroi. A prescindere. Mandare avanti con passione e sacrificio i propri progetti senza intravedere la luce pensiamo sia un qualcosa di eroico! Trasmettere alle persone il valore della speranza, della gioia, della musica è il super potere più forte che ci sia!!!